LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

Archive for the ‘circhi’ Category

MARTEDì 6 GENNAIO DALLE 15 ALLE 19,00 PRESIDIO AL CIRCO DI MOIRA ORFEI: LA CRUDELTA’ MASCHERATA DA MAGIA

Posted by lidafirenze su 5 gennaio, 2015

no al circo!!!  gli animali non si divertonoPRESIDIO contro il Circo con Animali di Moira Orfei, che attenda a Firenze dal 25 dicembre 2014 al 18 Gennaio 2015.

FIRENZE – MANDELA FORUM
MARTEDì 6 GENNAIO 2015
DALLE 15,00 ALLE 19,00

Vi aspettiamo con striscioni campagne e cartelli contro lo sfruttamento degli animali nei circhi!

Il presidio è autorizzato dalla Questura di Firenze.

Link evento FB: https://www.facebook.com/events/1514969002096765/?pnref=story

Il 6 gennaio, dalle ore 15 alle 19, davanti al circo Moira Orfei presso il Nelson Mandela Forum di Firenze, i cittadini protesteranno per l’attendamento del circo che sfrutta gli animali.

Abbiamo chiesto più volte, nel corso degli anni, al comune di Firenze di adeguarsi ai migliori comuni e nazioni che del rifiuto degli animali nel circo hanno fatto un loro principio etico, di evoluzione culturale, di rispetto dell’art. 13 del Trattato di Lisbona.

Ma Firenze non ascolta, non dialoga, continua il suo percorso isolato, autarchico e autosufficiente, in contrasto con la democrazia partecipata che dovrebbe essere modello per una istituzione rappresentativa della cittadinanza.
Leggi il seguito di questo post »

Posted in circhi, circo, Eventi | Leave a Comment »

15 giugno: Giornata Internazionale contro i Mattatoi

Posted by lidafirenze su 15 giugno, 2013

163655306-d3e3c77e-5e93-4b09-a6ad-f99cf5392005

su Repubblica.it alcune foto della manifestazione di oggi contro i mattatoi

Posted in caccia, circhi, crimini legalizzati?!?, maltrattamenti, pellicce, vivisezione e sperimentazione | Leave a Comment »

Bolivia. Vieta esibizione di tutti gli animali nei circhi

Posted by lidafirenze su 16 aprile, 2010

[da LaStampa.it] Gestori hanno tempo fino a luglio per adeguarsi

Cochabamba, 16 apr. (Ap) – La Bolivia ha deciso di vietare l’esibizione di animali nei circhi. La normativa è la più rigida mai introdotta al mondo, poiché se in alcuni Paesi europei già esiste un divieto di lavorare con i grossi animali selvaggi, in Bolivia questo si estenderà anche alle piccole fiere e agli animali domestici. Entrerà in vigore a luglio prossimo. A beneficiare in anticipo dell legge saranno Maiza, una leonessa di 18 anni, quattro cuccioli di leone e un babbuino, Tillin. I cinque felini a maggio troveranno ospitalità in California in un ospizio per ex animali da circo, mentre il babbuino dovrebbe trovare rifugio in una riserva in Gran Bretagna. Ma il destino di decine di altri animali di proprietà di piccoli circhi che girano il paese resta avvolto dall’incertezza. Nè il governo nè gli animalisti hanno idea di quel che succederà. Gli zoo sono già superaffollati e, a parte quello di La Paz, in pessime condizioni. Il costo del mantenimento di cinque leoni e un babbuino finora è risultato il doppio del previsto.”Non oso fare una cifra” dice Enrique Mendizabal di Animal Defenders International, un gruppo che ha lottato per l’approvazione della legge e si è impegnato a prendersi cura di Maiza e degli altri animali. I gestori dei circhi hanno un anno per adeguarsi alle legge, ma il proprietario del circo di Maiza, Salvador Abuhadba, ha rinunciato a felini e babbuini ad agosto scorso perchè non voleva problemi con la nuova legge. “Facevano parte della mia famiglia, meritano una pensione dignitosa” dice Abuhadba, che nega maltrattamenti e ha cambiato nome al suo circo: ora è il Circo ecologico Abuhadba.

Posted in circhi, circo | 2 Comments »

GOVERNO BRITANNICO VIETERA’ QUELLI SELVATICI NEI CIRCHI

Posted by lidafirenze su 27 marzo, 2010

(ANSA 26/03/2010) – ROMA – Il Governo inglese ha annunciato che vietera’ l’uso di animali selvatici nei circhi dopo che la popolazione si e’ schierata apertamente in favore del divieto. Il 94% degli intervistati in una consultazione pubblica avviata dallo stesso esecutivo, riferisce l’Indipendent sul suo sito, ha infatti detto ‘no’ agli spettacoli con elefanti, tigri, leoni e giraffe. ”Concordo con il punto di vista degli interpellati, che hanno definito non piu’ accettabile l’uso di questi animali nei circhi”, ha spiegato il ministro dell’Ambiente, Jim Fitpatrick, aggiungendo che ”per questo intendo vietarlo”. Attualmente sono quattro i circhi che usano animali selvatici in Gran Bretagna: il principale e’ il ‘Great British Circus’, poi ci sono il ‘Peter Jolly’s Circus’, il ‘Circus Mondao’ e il ‘Bobby Roberts Circus’. L’associazione britannica dei veterinari (Bva) si e’ detta ‘entusiasta’ della prospettiva di un bando. Secondo il suo presidente, Bill Reilly, ”se il governo andra’ avanti con il bando e’ vitale che ciascun animale sia valutato individualmente in modo da prendere le azioni appropriate. Queste potrebbero prevedere il trasferimento degli animali in zoo o santuari”.

Posted in circhi, notizie | Leave a Comment »

Firenze, presidio circo medrano 06/01/2010

Posted by lidafirenze su 10 gennaio, 2010

Presidio contro il circo con animali organizzato dalle associazioni animaliste fiorentine.

Il presidio si è svolto davanti all’ingresso del Circo Medrano, presso il Mandela forum di Firenze.

Tra i promotori: Ceda, Lav, Laverabestia.org, Lida, Oipa, Progetto vivere Vegan.

guarda il video e ci sono anche le foto….

Leggi il seguito di questo post »

Posted in circhi, circo | Contrassegnato da tag: , | 4 Comments »

ANIMALI MALTRATTATI: FORESTALE NE SEQUESTRA 70 A MONTECATINI

Posted by lidafirenze su 28 maggio, 2009

(AGI) – Montecatini Terme (Pistoia), 27 mag – Una sessantina tra pappagalli e rapaci vari, un leone marino, quattro alligatori, sette anaconde ed un pitone. Animali che erano protagonisti di ‘Victor, spettacolo delle meraviglie’ e che sono stati sequestrati. Una sorta di circo, presente in questi giorni a Montecatini Terme, finito nel mirino degli uomini del Corpo Forestale dello Stato di Firenze, Roma e Pistoia. La causa di tutto, i presunti maltrattamenti ai quali gli animali sarebbero stati sottoposti quotidianamente. Un’accusa per la quale il circo ‘Victor’ aveva gia’ ricevuto, nei giorni scorsi, una ‘visita’ da parte dell’inviato di ‘Striscia la notizia’, terminata poi in una diatriba tra il giornalista del Tg satirico ed il titolare della struttura. Il tendone di ‘Victor’ e’ tutt’ora parcheggiato nello spazio antistante il palazzo dello sport di Montecatini Terme. I controlli degli uomini della Forestale e quelli dei veterinari avrebbero confermato i maltrattamenti, oltre che la mancanza – per alcuni animali – della necessaria documentazione relativa alla loro provenienza.
Tutti elementi che hanno convinto il magistrato a firmare la convalida per il sequestro degli animali, disposto dalla Forestale. Per rettili, volatili e leone marino gli uomini della Forestale hanno gia’ trovata una sistemazione. Il leone marino finira’ a Gardaland, mentre gli altri animali saranno ospitati in strutture idonee, tra le quali quella del wwf di Semproniano, in provincia di Grosseto.

Posted in circhi, liberazioni e vittorie | 2 Comments »

A Gaza, tra gli animali dello zoo dimenticati in mezzo alla guerra

Posted by lidafirenze su 23 febbraio, 2009

La maggior parte è morta per fame. Il direttore: «Per più di due settimane non siamo riusciti a portare cibo»
Dal nostro corrispondente Francesco Battistini
GERUSALEMME – Non si uccidono così anche i cammelli? Nella conta dei morti di Gaza – quelli che alla fine contano davvero: vecchi, donne, bambini -, ci sono quattrocento carcasse che per un mese nessuno ha visto, raccolto, sepolto. Sono gli animali dello zoo di Zeitun, periferia settentrionale di Gaza City, uno dei sobborghi più colpiti nelle tre settimane dell’operazione Piombo Fuso. In molti erano arrivati nella Striscia dall’Egitto, fatti passare chissa come per i tunnel. Scimmiette, leoni, gazzelle, struzzi. Pochissimi di loro sono sopravvissuti alla guerra: Sabrina la leonessa, il suo spelacchiato compagno, qualche uccello, una decina in tutto… Gli altri, tutti lì a marcire fra le mosche: del cammello rimane quasi nulla; degli struzzi, meno ancora. Qualche bestia è morta sotto le bombe, altre hanno fori di proiettili.
LA MAGGIOR PARTE MORTI PER FAME – Ma la maggior parte se n’è andata per fame: «Per più di due settimane non siamo riusciti a portare cibo agli animali – racconta alla Bbc il direttore dello zoo, Emad Passim -. Era troppo pericoloso avvicinarsi, c’erano i soldati israeliani e i carri armati». Com’è nella legge d’ogni guerra, solo i più forti hanno resistito. E a scoprire che i leoni ce l’avevano fatta, un mese fa, è stata proprio una squadra di soldati israeliani, riuscita ad entrare nello zoo dopo aver fatto detonare mine e bombe-trappola piazzate dagli uomini di Hamas (c’è un video dell’esercito che mostra questi ordigni, sistemati fra le gabbie e una scuola che sta lì vicino). Sabrina e il suo re della savana, finiti in tv, hanno trovato perfino chi è disposto ad adottarli: allo zoo israeliano di Ramat Gan, vicino a Tel Aviv, durante la guerra sono nati due cuccioli di leoni, battezzati Salam e Shalom. Da Gaza però, da dove migliaia di palestinesi vorrebbero uscire ben prima dei felini, hanno risposto che la coppia resta dov’è.
LE RICHIESTE DEGLI ANIMALISTI ISRAELIANI – Gli animalisti israeliani non si sono scoraggiati: l’organizzazione Tnu lahaiot lihiot, “Lasciate vivere gli animali”, ha chiesto al ministero della Difesa di lasciar passare cibo, medicine e antiparassitari per i sopravvissuti dello zoo. Ci sono altre priorità, naturalmente, ma la colletta è partita e nei prossimi giorni la missione di soccorso si farà: trenta camion – costo fra i 170 e i 350 dollari per ciascun carico – porteranno a Gaza anche avena, fieno e miglio. «Gli animali non c’entrano nulla con la guerra fra gli umani – dice Eli Altman, portavoce degli ambientalisti – e la collaborazione fra Israele e Hamas, almeno su questo, è un esempio che va oltre un semplice zoo». Anche nel sud d’Israele, dove cadono i Qassam, parecchi animali sono da soccorrere: «Molte famiglie li hanno abbandonati», racconta Altman: duecento cani e settanta gatti di Sderot, Beer Sheva, Ashdod aspettano nuovi padroni a Ramle, in un canile. Altman spera che le bestie, prima degli uomini, diventino un mezzo di scambio pacifico: un ippopotamo israeliano, lo scorso anno, è finito nello zoo palestinese di Kalkilya. Nelle gabbie di Gaza aspettano Salam e Shalom, i leoncini: ma non è detto che il secondo possa tenersi anche il suo nome.

Posted in circhi, eventi spiacevoli | Leave a Comment »

notizia Ansa sequestrato leoncino a circensi

Posted by lidafirenze su 14 gennaio, 2009

UNA NOTIZIA ANSA :
Un leoncino sequestrato dentro a un circo
Specie tutelata, era detenuto illecitamente da un società esterna che lavora con la struttura circense
09/01/2009 – 12:21
Un cucciolo di leone, un maschio di due mesi, è stato sequestrato ieri pomeriggio del corpo forestale dello Stato in un circo attualmente in tournee a Viareggio (Lucca). L’animale, specie tutelata dalla Convenzione di Washington, era detenuto illecitamente, spiega la forestale, da un società esterna che lavora con la struttura circense. Quest’ultima è estranea alle contestazioni. L’intervento è stato effettuato dal nucleo investigativo Cites di Firenze del corpo forestale congiuntamente alla guardia di finanza di Livorno che ora proseguirà accertamenti fiscali a carico della società a cui è stato sequestrato l’animale. Il cucciolo di leone è stato trasferito al Centro tutela e ricerca fauna esotica e selvatica di Monte Adone, nel comune di Sasso Marconi (Bologna).

Posted in circhi | 1 Comment »

A TREVISO IL “CIRCO DI VIENNA” UTILIZZA PER I SUOI SPETTACOLI DEGLI ANIMALI. IL “COORDINAMENTO PRO-ANIMALI TREVISO” ORGANIZZERA’ UNA PROTESTA TRAMITE VOLANTINAGGI

Posted by lidafirenze su 15 dicembre, 2008

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO del 10 dicembre 2008
COORDINAMENTO PRO-ANIMALI TREVISO

QUESTA SETTIMANA SARA’ PRESENTE A TREVISO IL “CIRCO DI VIENNA” CHE UTILIZZA PER I SUOI SPETTACOLI DEGLI ANIMALI. IL “COORDINAMENTO PRO-ANIMALI TREVISO” ORGANIZZERA’ UNA PROTESTA TRAMITE VOLANTINAGGI, EVENTUALI PRESIDI E CHE RICHIEDERA’ ALLE AUTORITA’ COMPETENTI DI SVOLGERE I CONTROLLI DI LEGGE SU TALE CIRCO. IL “COORDINAMENTO PRO-ANIMALI TREVISO” DENUNCIA GLI SPETTACOLI BASATI SULLO SFRUTTAMENTO DEGLI ANIMALI E CHIEDE AI CITTADINI DI NON CONTRIBUIRE A MANTENERE IN VITA TALI BARBARI INTRATTENIMENTI, SCEGLIENDO DI NON ANDARE A VISITARE QUESTO CIRCO E DI TENERE LONTANI I PROPRI BAMBINI DA QUESTI SPETTACOLI DISEDUCATIVI.

Fino al 14 dicembre sarà a Treviso il “Circo di Vienna”, un circo che detiene molti animali anche esotici e che è dotato anche di uno zoo viaggiante. L’utilizzo degli animali per gli spettacoli è assolutamente da condannarsi in quanto priva gli animali della loro libertà, li costringe a comportamenti innaturali, li sottopone spesso ad addestramenti violenti, li costringe ad una vita di sfruttamento: la vita degli animali da circo comincia sempre da una gabbia. Le tigri, i leoni e gli altri sono frequentemente figli di genitori prigionieri, nati anche loro in cattività. Tutti trascorrono la loro esistenza in spazi angusti delimitati da sbarre, in stretti recinti o legati a cortissime catene. Tali animali sono continuamente in viaggio, rinchiusi, in climi non adatti alle loro caratteristiche biologiche, continuamente sottoposti alle angherie chiamate “addestramento”. Chi vuole andare ad uno spettacolo di un circo con gli animali deve pertanto sapere che rischia di contribuire a questa situazione di sofferenza per molti animali e che inoltre portando i bambini, li espone ad uno spettacolo diseducativo che insegna solo la mancanza di rispetto verso gli animali. Il “COORDINAMENTO PRO-ANIMALI TREVISO” si sta attivando per organizzare delle proteste contro tale spettacolo (presidi, volantinaggi, ecc.) e per richiedere i controlli delle autorità competenti sulla detenzione degli animali di tale circo. Per adesioni alle attività contro il circo: 340/1294976.

LAC Lega Abolizione Caccia – Sez. Veneto Via Cadore 15/C int.1 31100 Treviso Cell. 347/9385856 mail: lacveneto@ecorete.it
AAE Associazione Animali Esotici, – 31050 Vedelago (TV) Email: exoticben@libero.it
Ass Grilli Treviso via Lavaio, 99 – Volpago del Montello (TV) Email: miregra@alice.it
ENPA Ente Nazionale Protezione Animali di Treviso Via Lourdes, 23 – 31015 Conegliano Tv – Tel 347.5931683 – Fax. 0438.21399 mail: treviso@enpanet.it

Posted in circhi | 11 Comments »

GRADUALE DISMISSIONE DEGLI ANIMALI NEI CIRCHI

Posted by lidafirenze su 20 novembre, 2008

Sarà presentata lunedì prossimo alla stampa la proposta di legge dell’On Giammanco “Norme per la graduale dismissione dell’uso di animali da parte dei circhi e per il sostegno dello spettacolo circense”. La proposta, sottoscritta anche dall’On Gianni Mancuso, intende procedere alla graduale eliminazione degli animali nei circhi e viene da subito vietata l’acquisizione di nuovi soggetti. Inoltre, la proposta vieta ai circhi che impiegano animali di farsi pubblicità.

“Non si tratta dell’abolizione del circo, come qualcuno vuol fare credere- spiega la prima firmataria- , ma di interventi finalizzati alla promozione di uno spettacolo che, pur nel rispetto della tradizione, deve sapersi adeguare ai tempi”. La vita degli animali utilizzati nei circhi è “confinata in spazi angusti e in condizioni incompatibili con le loro caratteristiche etologiche”, pertanto in contrasto con la Legge 184/2004 che ha modificato il Codice Penale prevedendo il reato di maltrattamento animale.

Se approvata, la proposta di legge si basa sull’istituzione di una Commissione, presso la Direzione generale per la protezione della natura del Ministero dell’ambiente, incaricata della gestione degli animali dismessi dai circhi e dagli spettacoli viaggianti e con il compito di agevolare la dismissione degli animali detenuti nei circhi, proponendo sistemazioni alternative. Entro un mese dalla data di entrata in vigore della legge, i gestori dei circhi dovranno comunicare per iscritto alla Direzione generale per la protezione della natura del Ministero dell’ambiente e al Dipartimento per la sanità pubblica veterinaria, la nutrizione e la sicurezza degli alimenti, il numero e la tipologia degli animali utilizzati.

L’erogazione di contributi pubblici viene riconosciuta solo ai circhi e aegli spettacoli viaggianti che non fanno impiego di animali. A questo scopo dovranno presentare la documentazione attestante
il non impiego di animali. “Quanto attestato nelle documentazione è sottoposto a verifica tramite ispezione da parte dei competenti servizi veterinari”.

Posted in circhi | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: