LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

Attività LIDA Firenze

 


2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2008

resoconto delle attività di maggio 2018

7 maggio ’18
La Presidente Serena Ruffilli sta supportando Arianna Xekalos per l’organizzazione di un convegno fiorentino sulla tutelaanimale e contro la legge Remaschi, mettendola in contatto con Carlo Consiglio (presidente onorario LAC) e con Daniela Casprini dell’Associazione Vittime della Caccia, ho suggerito di contattare loro per il convegno come possibili relatori.
Il primo ha accettato l’invito e sarà fra i relatori del convegno, assieme al nostro socio Stefano Corbizi Fattori.12 maggio ’18
La Consigliera Gabriella Costa scrive alle istituzioni del Comune di Firenze: “Oggetto: Legge Remaschi e interrogazione della Consigliera Xekalos : ” Gentili Consiglieri Comunali, Abbiamo seguito con interesse l’interrogazione in Consiglio Comunale della Consigliera Xekolos riguardo ad una giusta riflessione dopo un anno di applicazione della legge Remaschi in Toscana. La votazione era scontata in Comune a Firenze però è bene ricordare alcuni punti fondamentali su cui i politici dovrebbero riflettere anche solo per allontanare dagli occhi quei veli ideologici o obsoleti o di disinteresse che molti hanno ancora. Il nostro
territorio italiano è suddiviso in Ambiti Territoriali di caccia,saldamente controllati dai cacciatori ( per il 60-70 per cento). In questi ATC girano un sacco di soldi,fra consulenze esterne,armi,assicurazioni dei cacciatori,permessi vari e ora anche quella vergognosa FILIERA DI CARNE inaugurata da Remaschi, motivo ovvio per non volere risolvere il problema. L’intento della filiera,anche se da noi non condiviso,è quello di controllare e usare carne selvatica. Ma in pratica molti cacciatori ne fanno un guadagno privato e non controllato. La legge permette ai cacciatori di allevare e immettere nel territorio animali a scopo venatorio per un 30% dei capi. I cacciatori stessi hanno immesso in Italia i cinghiali dell’Est causa di tanti danni, dei mufloni all’Elba che ora vogliono sterminare, dei daini. Poi allevano lepri,fagiani e chissà che altro per poi liberarli e dopo pochi giorni sparargli rincorrendoli come animali da cortile,un cosa pietosa !!! Incrociano anche i cinghiali con i maiali per produrre carne più morbida, poi fanno squartare quei poveri cinghiali ai loro cani per addestrarli nelle aziende faunistico-venatorie. Tutto ciò ha alterato gli equilibri ecologici, ma la colpa è solo dei cacciatori !!! non certo degli animali. Noi animalisti siamo
nettamente contrari a ogni sorta di ripopolamento. Il Presidente Rossi orgogliosamente mostra una Toscana ormai ridotta a monocoltura, di viti e olio, senza quasi più boschi, con agricoltori-cacciatori che non intendono mettere nessuna recinzione !! Perché ?? Perché la recinzione costa più dell’assicurazione che loro fanno ( 100-200 euro l’anno) a fronte dei danni veri o presunti pagati dalla regione.Poi con la loro mentalità dell’800 gli animali sono un danno non una risorsa. Riguardo ai morti basta andare nel sito dell’Associazione Vittime della caccia, creato per cercare di far ottenere un risarcimento a gente estranea alla caccia, http://www.vittimedellacaccia.org per vedere che ogni anno ci sono decine di morti, derubricati dai politici come ” incidenti” mentre sono veri e propri omicidi perché quel tipo di caccia ( braccata,cacciata con armi automatiche a lunga gittata) è estremamente pericolosa per chiunque abbia la sventura di avvicinarsi ad un bosco. Durante la passata stagione venatoria, i civili non cacciatori 34, di cui 24 feriti e 10 morti, cacciatori 80,60 feriti, 20 morti. Totale :84 feriti e 30 morti.Bambini ,1 morto e 2 feriti. I media fanno muro e non pubblicano queste notizie,la gente non deve sapere che potrà essere risarcita dai
cacciatori che ora con la Remaschi possono entrare anche nei fondi privati quando e come vogliono. Quello che rispondono i vari politici, paura, timore verso incontri coi cinghiali, è solo un aspetto del problema e anche un pò ingenuo. Meglio un incontro con un cacciatore travestito da talebano con un mitra in spalla e alterato da vino e sostanze varie? Molti cacciatori sono molto anziani, gli ,le giovani leve,sono uomini esaltati e minacciosi in groppa a Suv giganteschi che distruggono quei pochi boschi restanti e mettono in serio pericolo turisti e gitanti. Il fatto è che manca una totale sensibilità ecologia, non solo nel nord leghista ma ormai da tempo anche in Toscana. l’ambiente viene aggredito, distrutto, inquinato,gli animali uccisi e perseguitati in nome di cosa?? guadagno? sicurezza? La natura si sa regolare da sola, bisogna rispettarla in nome di un futuro in cui i vostri figli speriamo possano vivere ! Dunque occorre intervenire a monte sulla legge nazionale ( divieto di immissione di animali a scopo venatorio ) ma anche a livello regionale per limitare i danni, la Toscana non può accettare di ridursi avvelenata e triste come la pianura padana. E il pericolo è davvero grande sia nella città di Firenze preda di troppo grossi appetiti e in tutto il territorio toscano. Speriamo che un governo nuovo apra
nuove strade.”

14 maggio ’18
La Vicepresidente Daniela Cecchi scrive alle istituzione del Comune di Scandicci: “Buongiorno, come ogni anno , abitando in zona, ho avuto modo di vedere l’allestimento medievale al parco dell’Acciaiolo e come ogni anno ho notato che ci si è impegnati nel mostrare al pubblico come si viveva ai tempi del medioevo senza pero’ tralasciare le comodità moderne (degna di nota la musica a tutto volume nel pomeriggio ), ecco, gradirei che questo upgrade venisse fatto anche a livello etico, poiché, se è importante mostrare alla gente e soprattutto ai ragazzi come si viveva un tempo dall’altro trovo molto diseducativo insegnare ai bambini a giocare con la vita degli animali. Come si vede dalle foto che allego insieme a due “paglioni” per il tiro con l’arco, si è ritenuto opportuno, per l’ennesima volta, esporre le sagome di alcuni animali che non stavano li solo per arredamento, ma venivano utilizzate come bersagli dai piccoli arcieri invitati a provare questa “emozione”. Trovo tutto cio’ francamente diseducativo, e vi chiedo solo una cosa:
immaginate di usare invece degli animali le sagome di alcuni bambini e di chiedere ai piccoli di mirare alle sagome! Credo di non dover aggiungere altro per chiarire la mia posizione,mi auguro che l’anno prossimo le sagome spariscano e che il comune di Scandicci , che sempre sponsorizza questi avvenimenti, vagli con più attenzione i programmi degli eventi che sceglie di appoggiare ed autorizzare.”
La Presidente Serena Ruffilli ha consegnato tutta la merce per lotterie e mercatini a Renata; ha preparato materiale LIDA da cedere alla consigliera Gabriella Costa e al nostro futuro presidente Stefano Corbizi, per future iniziative al pubblico della LIDA (campagne varie e volantini – una cassa per raccogliere fondi – bollettini di ccp LIDA per donazioni – qualche biglietto da visita anche se da aggiornare – Un grosso pezzo di stoffa per fare striscioni se serve – Striscione della LIDA – gadgets porta sacchettini per guinzaglio cani siglati LIDA – ha scritto allo staff di Progetto Vivere Vegan per vagliare la loro disponibilità
e lo spazio per uno stand LIDA in occasione della Sagra del Seitan che si svolgerà a Settembre 2018.

18 maggio ’18
La Consigliera Gabriella Costa scrive al Sindaco di Sesto Fiorentino : “Oggetto: Comunicato Stampa Canile del termine. Egregio Sindaco di Sesto Fiorentino Le invio il Comunicato Stampa del Caart in merito alla vicenda del canile del Termine. Vorrei con l’occasione esprimere la mia meraviglia e il mio disappunto nell’apprendere che ,nonostante nel nostro passato colloquio avessimo concordato su quanto la mentalità delle persone verso gli animali e la natura sia cambiata, e occorra dunque tenerne conto, avete fatto tagliare alberi pieni di nidi, un’azione inutile e che se veniva posposta di un mese, tempo necessario
perché i piccoli crescessero, non avrebbe causato nessuna tragedia !! Questo è l’ennesimo esempio di gestione irrispettosa della natura e dei suoi legittimi ospiti. Noi umani dobbiamo cominciare a capire che siamo ospiti di questo pianeta,non i padroni, se vogliamo che esista un futuro per le nuove generazioni . E voi politici vi siete scelti la responsabilità maggiore. _ Comunicato Stampa del CAART : “Il CAART, Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana, desidera esprimere la propria chiara e ferma
posizione riguardo alla triste e dannosa vicenda che vede al centro il fatiscente Canile del Termine, canile privato gestito dall’Associazione Amici del Cane e del Gatto; un canile che ora contiene circa 300 cani e molti gatti, su di un terreno che dopo anni di processi giudiziari, nati a seguito di innumerevoli denunce ed esposti alla Magistratura, per le varie irregolarità di gestione della associazione e dei suoi responsabili, ha raggiunto il terzo e definitivo grado di giudizio. Il Comune di Sesto Fiorentino è divenuto proprietario del terreno ed è consapevole della sorte e del benessere di poveri cani portati in Toscana dal Sud, in attesa di una vita migliore, ma poi reclusi a tempo indeterminato in un luogo maleodorante, senza grandi speranze di adozione, a detta delle innumerevoli persone che si sono viste negare questa adozione e sono dovuti andare a cercare altrove. Il canile deve essere un luogo di passaggio, non una prigione a vita, e da sempre le politiche abbracciate dalla gestione del Termine al riguardo, lasciano molto a desiderare. Il Sindaco si è detto disponibile ad aiutare coi permessi l’Associazione, se vorrà trovare un nuovo terreno, per costruire un canile degno dell’amore che questi volontari dicono di provare per gli animali.
Non potrà sostenerne le spese però essendo il canile privato, pieno di cani di altri territori ed essendo Sesto Fiorentino privo di randagismo.
L ‘Associazione ha da poco ricevuto una eredità notevole, circa 2 milioni di euro, da una benefattrice; siamo sicuri che con questa somma sarà possibile costruire un canile meraviglioso per quei poveri animali. Se ha davvero a cuore la sorte degli animali che sono in parte di sua proprietà in parte di associazioni del Sud, avrà certamente destinato una parte di una tale somma così notevole per un nuovo canile. Ci auguriamo che finalmente l’Associazione Amici del cane e del gatto dimostri di tenere ai cani e ai gatti come afferma, regolarizzando gli ospiti di questo canile che sarà chiuso a breve, perché ormai risulta impossibile poterlo rimettere a posto dopo anni e anni di abbandono, come essi ben sapevano. Ormai è tempo di mettere in pratica le tante parole, anche minacciose, da loro pronunciate negli anni e assumersi le proprie responsabilità.Con chiarezza e con impegno al fine di fugare tutte le ombre e i dubbi che tale vicenda getta non solo sul Termine ma di riflesso su tutti i volontari animalisti e le Associazioni toscane che operano con amore e dedizione, anche pagando di persona gli aiuti. Se essi non potranno o non vorranno agire, cosa che dimostrerebbe da parte loro una notevole malafede, il Comune dovrà intervenire cercando di sistemare gli animali; allora noi, Associazione del CAART, veglieremo affinché
le cose vengano finalmente fatte regolarmente per il bene degli animali. ”

23 maggio ’18
La Vicepresidente Daniela Cecchi sta organizzando un gruppo per riuscire a catturare un coniglietto zona Scandicci, randagio, in zona pericolosa

25 maggio ’18
La Presidente Serena Ruffilli ha dato sostegno a una ragazza che aveva trovato una tartarughina tra degli arbusti vicino a un cassonnetto. Sono stati rintracciati i proprietari che hanno altre tartarughe e le trattano molto bene. Si pensa a un incidente dovuto al periodo della potatura. La situazione verrà, comunque, monitorata.

28 maggio ’18
Sosteniamo e sottoscriviamo la lettera inviata dalla signora Lucilla Mancini. “Mentre ci guardiamo bene dal partecipare a iniziative che prevedano la prigionia e lo sfruttamento animale, lo snaturare individui la cui esistenza non dovrebbe certo prevedere il sottostare al dominio umano e all’obbligo di una vita in cattività, non ci stanchiamo di informare chiunque su cosa comporti realmente la falconeria per la vita degli animali utilizzati a tale scopo. Si continua a ignorare la sensibilità di chi gli animali li ama davvero e non vuole certo vederli come fenomeni da baraccone, eppure anche queste persone potrebbero voler
partecipare alla festa di Malmantile! Magari il giorno che ci rifletterete su, farete un bel pienone! ”
Lettera della Signora Lucilla Mancini: “Sarei venuta volentieri alla festa medievale di Malmantile dato che il paese dista pochi km da casa mia ma la presenza dei falconieri, ormai un must da diversi anni, è stata determinante per decidere del boicottaggio dell’evento. Ben vengano le rievocazioni storiche con giocolieri, acrobati, i laboratori didattici per i più piccoli: trattasi di arte e cultura ma non gli spettacoli di falconeria.
Perchè? Pur essendo legalmente riconosciuta, questa prevede di tenere prigionieri animali (selvatici). Con l’alibi della tradizione, in realtà è solo una forma di sfruttamento di altri esseri viventi, un tipo di caccia tramite addestramento dei rapaci tenuti incappucciati e in gabbia, che dovrebbero vivere liberi nei loro habitat naturali. In attesa di un vostro riscontro porgo i miei saluti (antispecisti).”

29 maggio ’18
La Presidente Serena Ruffilli scrive alle Istituzioni del Comune di Firenze riguardo: Festa al Canile Rifugio Parco Animali “sostengo e sottoscrivo la lettera della nostra consigliera, Gabriella Costa. Immagino che l’odore di carne arrostita per i poveri cani presenti nella struttura sia stata una vera e propria tortura, per tutta la durata dell’iniziativa. Ci avete pensato per caso? Sicuramente no…
L’anno scorso abbiamo gentilmente declinato l’invito ricevuto per partecipare alla Vostra festa ribadendo la nostra riluttanza nel vedere nuovamente reclutata – fra i vari movimenti aderenti – una realtà filo-venatoria, che l’anno precedente esibiva crudelmente uccelli da richiamo imprigionati in gabbiette di pochi centimetri. Poi è stata la volta degli Alpaca.. E con questa “grigliata” si è veramente chiuso il cerchio e toccato il fondo! Chi ama gli animali (sono tanti, non solo cani e gatti) non potrà mai prendere parte a
iniziative organizzate dal “Parco degli Animali…. sfruttati, ingabbiati e pure arrostiti!”

Animali : “Gentile Assessore Bettini – Spett.Ufficio Diritti Animali per conoscenza, Egregio Sindaco di Firenze Abbiamo visto le foto della “grigliata”organizzata in occasione della festa al Parco degli animali , canile di Firenze, e siamo rimasti davvero allibiti !! Una grigliata di animali in un luogo che celebra la speranza per altri animali, speranza di adozione, di miglioramento, di essere accettati come cani in una famiglia non solo per essere salvati, ma, come chi ama e conosce davvero gli animali, per contribuire a ridare amore e sentimenti a quella famiglia fortunata che sceglierà di adottare un cane. Allora un canile moderno e all’avanguardia come voi pretendete di mostrare il Parco Animali di Firenze, non dovrebbe limitarsi solo a distribuire cani alla gente, ma dovrebbe contribuire CON L’ESEMPIO, al miglioramento
delle persone. L’esempio è coerenza, non ci sono discussioni su questo, altrimenti sono solo belle, retoriche ma inutili parole. Già abbiamo assistito all’introduzione di alpaca nel canile, animali usati e sfruttati per la loro lana, certo dagli allevatori, ma un progetto davvero discutibile in un luogo che vuol chiamarsi Ufficio diritti animali ! Diritti di CHI ? E abbiamo taciuto. Ma non possiamo tacere davanti a foto di animali morti al canile, una festa degna di una Casa del popolo e sagra del cinghiale ! Ognuno a casa propria si nutre come vuole o come può, l’etica è una questione personale che si raggiunge dopo un
percorso che non tutti riescono a terminare, ma nelle occasioni pubbliche, nelle feste delle associazioni animaliste, nelle cene delle guardie zoofile, nei pranzi ai canili non si dovrebbero vedere questi spettacoli indecorosi e diseducativi, frutto di modi di pensare antiquati e inadatti alla gestione di tali luoghi.”
https://it-it.facebook.com/ParcoDegliAnimali11/posts/1590488597744358

Ci stiamo occupando di:
Stefano Corbizi Fattori, socio LIDA e portavoce del CAART, parteciperà come relatore all’importante convegno sulla tutela animale organizzato da Arianna Xekalos a Firenze il 15 giugno 2018

La Vicepresidente Daniela Cecchi ha seguito per giorni la cattura di un coniglietto vagabondo su Scandicci, alla fine è stato preso e gli ha pure trovato adozione presso Claudia del Caniglio. Donazione: salderemo la fattura per la sua vaccinazione.

Ci stiamo organizzando per partecipare con stand LIDA alla Sagra del Seitan di Settembre e al Vegan Festival sempre a Settembre

La Presidente Serena Ruffilli sta facendo da tramite per una richiesta di adozione per un cane di piccola taglia tramite le nostre volontarie

Abbiamo concluso con le due ultime adozioni del 2017 per cui mancavano sterilizzazioni, ricevuto certificato e archiviato in pari tutti i moduli di adozione del 2017 con tutti gli animali regolarmente sterilizzati.

Ci stiamo dando ancora da fare per la gattina presa a calci nel pisano, con scambi mail e conseguente diffusione.

Segnalazioni:
Trovata una femmina di pastore tedesco che era tutta la settimana che veniva segnalata su FB in vari post perchè era sempre a giro da sola! La Vicepresidente con un giro di telefonate/messaggi, grazie anche alla Francesca Pontini (vigilessa di scandicci) è stato organizzato il recupero. Al momento i vigili hanno prelevato direttamente la canina e avvisato la ASL

Caso coniglio: organizzato recupero di coniglietto avvistato a Scandicci in piena città, dopo varie peripezie il coniglietto è stato affidato in mano all’associazione il Prato dei conigli.

Monitorato pagina LIDA e risposto privatamente a varie richieste sia sulla pagina che privatamente.

Movimenti:

Ricevute – entrate per contanti
25.05.2018 20,00 euro Rinnovo quota associativa 2018-Maria Romoli

Entrate tramite banca e/o posta:
07.05.2018 50,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 + contributo – Mara Vignoli
08.05.2018 20,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 – Andrea Pieralli
08.05.2018 30,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 + contributo – Sabrina Pantouvani
09.05.2018 50,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 + contributo – Alessandra Allegra
09.05.2018 30,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 + contributo -Samuele Ferrini
22.05.2018 25,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 + contributo -Morena Suaria
29.05.2018 20,00 euro Rinnovo quota associativa 2018 – Maria Clara Veltri

Uscite tramite banca:
04.05.2018 7,00 euro spese per tenuta conto
28.05.2018 60,00 euro bonifico effettuato per partecipazione alla sagra del Seitan di Firenze (settembre 2018)

Uscite tramite cash
non risultano essere state effettuate uscite cash nel mese di maggio 2018

RELAZIONE ATTIVITA’ MESE MAGGIO 2018 VOLONTARIE MONTESPERTOLI (Debora e Stefania)

Abbiamo felicemente concluso l’adozione di una alana ceduta da u una privata, con 2/3 incontri per inserimento nella nuova famiglia.

Ci siamo occupate della ricerca di adozione per un piccolo Cocker di due mesi, tolto da un maltrattamento a Montespertoli, della sua degenza in clinica, in collaborazione con l’Associazione “noi e i cani di Castello”

Fatto tre preaffidi per cuccioli del canile.

Debora sta seguendo 2 cucciolate di gattini, rimasti nella campagna, a cui sta portando cibo e sta cercando di catturare le mamme, per poterli sistemare, in collaborazione con Gli Aristogatti.

Continuano le ricerche di Grilla, canina scappata sei mesi fa. Ormai vive nel parco di Certaldo, ma la stiamo monitorando. Abbiamo sistemato una telecamera che la filma in vari momenti della notte. Abbiamo portato cibo al custode di un deposito comunale, dove la canina ha fatto una delle sue tane.

Foto e appelli per i cani del canile.

Contatti con nuovi volontari e appuntamenti in canile.

Totale ore Stefania 60
Totale ore Debora 80

RELAZIONE ATTIVITA’ MESE DI MAGGIO 2018 BARBARA SCARDIGLI

– un preaffido per un cane a San Giusto (negativo)
– un preaffido gatta a Firenze (positivo)
– un preaffido cane a Firenze (negativo)
– un preaffido per dobermann angels a scandicci (positivo)
– un post affido positivo.

Ore di volontariato 10

RESOCONTO ATTIVITA’ SOCIA RENATA BARTOLOZZI

Ritirato cucciolo di 3 mesi da una famiglia e trovata nuova adozione, ritirati due cuccioli mix setter da un cacciatore, messo microchip, trovata adozione a Tea mix lagotto ceduta da un tartufaio di Castelfiorentino, ritirata mix labrador femmina di 4 anni da un privato di Castelfiorentino, l’ho fatta sterilizzare e ora cerca casa.

Ore di volontariato svolto 150

RESOCONTO VOLONTARI ISOLA D’ELBA MAGGIO 2018

Zampa della colonia del Colle fa biopsia al naso, la fattura non è ancora stata pagata e si attende esito per vedere se si tratta di carcinoma.

Spesa in farmacia 17€

Morta Tesoro gatta con carcinoma della colonia della co-gattara.

Apparso nuovo gatto maschio intero in colonia del Colle, gatto giovane, tigrato, avrà circa un anno.

535€ di pappe vinte tramite il sondaggio del gruppo Facebook 5Xmici di Arianna Bertucci.

Recuperato Holy dalla colonia sfigatta e stallato nel bagno della co-gattara per poi fare inserimento graduale nella sua colonia.

Messo in stallo il nuovo arrivato nella colonia del Colle per dargli il vermifugo visto che ha la diarrea e per prepararlo alla sterilizzazione.

Visita ad Holy che aveva qualche perdita di sangue dalla bocca ed ha la stomatite vet ha detto di fare una settimana di antibiotico. Il vet non ha voluto soldi.

Ci contattano per una femmina selvatica da catturare e sterilizzare a Seccheto.

Catturata e sterilizzata femmina di Seccheto spese a carico della signora che ci ha chiamato.

Ore di volontariato: 70

Annunci
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: