LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

RICHIAMI VIVI – FERMIAMO UNA PRATICA DI CACCIA INUTILE E CRUDELE

Posted by lidafirenze su 22 giugno, 2011

Le associazioni L.I.D.A. FirenzeL’Arca Firenze No alla caccia , insieme ai Verdi della Toscana, lanciano una campagna volta ad informare e sensibilizzare tutti su questo brutale maltrattamento a danno degli uccelli canori. VIETATO NEL RESTO D’EUROPA.

Tutte le associazioni ambientaliste e animaliste che vogliono aderire e diffondere sono le benvenute.

Ma soprattutto abbiamo bisogno di tutti VOI, per far sentire a regioni e province la voce dei tanti cittadini che dicono NO alla crudeltà nei confronti degli animali e NO all’uso dei nostri soldi per fare scempio di esseri viventi.

RACCOLTA FIRME: http://www.firmiamo.it/richiami-vivi–fermiamo-questa-barbara-pratica-venatoria”

FIRMATE LA PETIZIONE PER DIRE BASTA ALLA PRATICA BARBARA DEI RICHIAMI VIVI E STOP AI POLITICI CHE APPOGGIANO TALI BRUTALITÀ PER COMPIACERE IL MONDO VENATORIO. OSPITATELA SU SITI E BLOG, GRAZIE.


1. Il Problema

L’uso dei RICHIAMI VIVI PER LA CACCIA è una pratica barbara e medievale, abolita da decenni nella stragrande maggioranza dei paesi europei, che sopravvive ancora a Malta, Cipro e qualche regione italiana (soprattutto Toscana e Veneto), solo grazie all’assenza di informazione da parte della opinione pubblica e degli stessi rappresentanti politici regionali che sistematicamente la approvano ogni anno, in deroga a regolamenti nazionali ed europei, con il solo scopo evidente di ingraziarsi il favore dei cacciatori.

E’ giunto il momento di informare tutti su tre aspetti di questa pratica di caccia:
– trattasi di un PESANTE MALTRATTAMENTO, se non una vera TORTURA, verso uccelli canori selvatici, animali inermi ed indifesi (vedere descrizione sotto). Questa pratica viola apertamente la legge italiana sul maltrattamento degli animali del 2004 (n.189). Non si critica dunque la caccia nel suo insieme ma una modalità particolare che appare inaccettabile su un piano ETICO in un paese civile moderno; buona parte degli stessi consiglieri regionali che approvano tutti gli anni questa pratica di caccia, se debitamente informati, la giudicherebbero inaccettabile;
– viene FINANZIATA INTERAMENTE CON I SOLDI DEL CONTRIBUENTE ITALIANO. Le province, nonostante i budget ristretti ed i tagli, riescono ad allocare il tempo dei propri dipendenti e fondi preziosi per catturare con le reti gli uccelli durante la loro migrazione annuale. Gli uccelli vengono quindi inanellati dal personale della Provincia e regalati ai cacciatori, come merce qualsiasi;
– è già stata giudicata INCOSTITUZIONALE dalla Corte Costituzionale recentemente perché in aperta violazione della Direttiva sugli uccelli selvatici della UE del 1979.

2. Perché l’uso dei richiami vivi è un maltrattamento e tortura

Questa pratica di caccia si configura come maltrattamento e tortura in base ai seguenti fatti, ampiamente documentati in video e foto:
– animali liberi e selvatici, appartenenti a tutta la Comunità Europea, vengono catturati durante la migrazione e condannati a vivere il resto della loro vita rinchiusi in gabbiette minuscole, in condizioni igieniche troppo spesso riprovevoli, diventando da quel momento in poi a tutti gli effetti degli “oggetti” alla mercé del cacciatore;
– infatti, dovendo assolvere alla funzione di “richiamo” (cioè attrarre loro co-specifici tramite il canto), gli uccelli devono cantare in un momento dell’anno in cui non canterebbero in natura, cioè in autunno. Per ottenere questa forzatura, i cacciatori li tengono per vari mesi al buio 24 ore al giorno durante la primavera-estate, spesso in umide e fredde cantine e garages;
– dato che soltanto i maschi cantano e che l’identificazione del sesso degli uccelli si basa sull’osservazione degli organi genitali, che sono interni, si usa incidere il ventre degli uccelletti appena catturati con una lametta (ovviamente senza alcuna anestesia); le femmine vengono quindi buttate via vive e con il ventre inciso – provocando loro una agonia lunga e dolorosa;
– i maschi che sopravvivono fino all’autunno alle condizioni disumane sopra descritte, saranno soggetti a mutilazioni al piumaggio ed agli arti in quanto vengono trasportati in campagna dai cacciatori dentro le minuscole gabbiette e sono sballottati in continuazione durante il tragitto in macchina ed a piedi. Vengono poi spesso legati ad un ramo per un zampa e in seguito spaventati a morte con le fucilate che letteralmente li sfiora, allorché un co-specifico libero, attratto dal canto, si avvicina a loro;
– grazie alle fucilate che li sfiorano (e talvolta li feriscono o uccidono) durante le battute di caccia, oltre alle mutilazioni anatomiche, gli uccelli da richiamo subiscono shock pesantissimi continui;
– quelli che sopravvivono a questo regime di tortura sono uccelli mai più capaci di volare, in quanto la muscolatura delle ali si atrofizza, e “psicologicamente” danneggiati irreversibilmente.

3. Piano di azione

Una campagna di informazione e sensibilizzazione, con associata raccolta firme, sia a livello regionale che nazionale, si ritiene possano essere sufficienti a spazzare via l’uso dei richiami vivi nella caccia in Italia per sempre.

Infatti, ogni anno politici conniventi e cacciatori giocano evidentemente sul fatto che la stragrande maggioranza degli elettori non è al corrente di questo fenomeno, per far passare questa deroga “porcata” alla chetichella.

E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI INFORMARE TUTTI SU QUESTA PRATICA IGNOBILE ED INDEGNA DI UN PAESE CIVILE E DI MANDARE UN CHIARO MESSAGGIO AI POLITICI.

NON SI PUO’ PERMETTERE PIU’ UNA SIMILE PRATICA, IMMORALE E INCOSTITUZIONALE, che ci colloca al di fuori della Comunità Europea, PASSANDO SOPRA IL SENTIMENTO COMUNE E LA SENSIBILITÀ DELLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEI CITTADINI – INCLUSI PERFINO TANTI CACCIATORI!

NON ALMENO A NOSTRO NOME E CON I NOSTRI SOLDI! I POLITICI CHE CONTINUERANNO AD APPOGGIARE QUESTA PRATICA DEVONO PRENDERSI LE LORO RESPONSABILITÀ DI FRONTE AGLI ELETTORI.

GLI ANIMALI NON SONO OGGETTI. SONO CREATURE SENZIENTI E DEVONO ESSERE RISPETTATI. E’ UN DOVERE DI UNO STATO CIVILE E MODERNO DI PROTEGGERE GLI ANIMALI DAI MALTRATTAMENTI E TORTURE IMPARTITI DA GENTE IGNORANTE E CRUDELE.

Per maggiori informazioni: Mauro Romanelli mauroverde@yahoo.com

8 Risposte to “RICHIAMI VIVI – FERMIAMO UNA PRATICA DI CACCIA INUTILE E CRUDELE”

  1. Elke Colangelo said

    Dobbiamo chiederci sempre se il male e la sofferenza che infliggiamo alle creature animali, non sia dovuta anche all’invidia che sprigionano in noi, tutte le loro meravigliose qualità, come la liberta’, la virilità, la forza, il coraggio, la gioia di viviere, la felicità di esistere, l’eleganza e la magia della vita che sprigionano, solo per citarne alcune!

    La nostra razza certo primeggia per invidia verso le cose belle del mondo invece di amarle, rispettarle e proteggerle finchè morte non ci separi dal paradiso terrestre, infangato ignobilmente dalle nostre paure inutili!

  2. lidafirenze said

    che piacere vederti qui Elke! sono sante parole le tue…. bacione, Serena (koalina)🙂

  3. Medusa said

    Proprio due domeniche fa, mentre ero a pranzo da amici a Ugnano,
    ho visto dei richiami vivi chiusi nelle gabbiette nella casa con giardino sotto di noi.
    Abominevole.

  4. Edeltraut Renk said

    Mi domando se siamo ancora nel Medioevo. Per favore, comportiamoci da Paese civile. Grazie.

  5. Edeltraut Renk said

    Per favore, comportiamoci da Paese civile. Grazie.

  6. Guido GUIZZI said

    Era ora che qualcuno prendesse coscienza della barbaria della caccia.

  7. lidafirenze said

    sempre presenti per difendere i nostri fratelli animali!🙂

  8. sara said

    Basta con i richiami vivi…..ma basta anche con la caccia!!!!! e’ una cattiveria inutile!!!!!!!!!serve solo a rimpinguare le casse dello Stato….vergogna!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: