LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

ANIMALI MALTRATTATI: FORESTALE NE SEQUESTRA 70 A MONTECATINI

Posted by lidafirenze su 28 maggio, 2009

(AGI) – Montecatini Terme (Pistoia), 27 mag – Una sessantina tra pappagalli e rapaci vari, un leone marino, quattro alligatori, sette anaconde ed un pitone. Animali che erano protagonisti di ‘Victor, spettacolo delle meraviglie’ e che sono stati sequestrati. Una sorta di circo, presente in questi giorni a Montecatini Terme, finito nel mirino degli uomini del Corpo Forestale dello Stato di Firenze, Roma e Pistoia. La causa di tutto, i presunti maltrattamenti ai quali gli animali sarebbero stati sottoposti quotidianamente. Un’accusa per la quale il circo ‘Victor’ aveva gia’ ricevuto, nei giorni scorsi, una ‘visita’ da parte dell’inviato di ‘Striscia la notizia’, terminata poi in una diatriba tra il giornalista del Tg satirico ed il titolare della struttura. Il tendone di ‘Victor’ e’ tutt’ora parcheggiato nello spazio antistante il palazzo dello sport di Montecatini Terme. I controlli degli uomini della Forestale e quelli dei veterinari avrebbero confermato i maltrattamenti, oltre che la mancanza – per alcuni animali – della necessaria documentazione relativa alla loro provenienza.
Tutti elementi che hanno convinto il magistrato a firmare la convalida per il sequestro degli animali, disposto dalla Forestale. Per rettili, volatili e leone marino gli uomini della Forestale hanno gia’ trovata una sistemazione. Il leone marino finira’ a Gardaland, mentre gli altri animali saranno ospitati in strutture idonee, tra le quali quella del wwf di Semproniano, in provincia di Grosseto.

Annunci

2 Risposte to “ANIMALI MALTRATTATI: FORESTALE NE SEQUESTRA 70 A MONTECATINI”

  1. lidafirenze said

    Comunicato stampa LAV 28 maggio 2009

    ANIMALI: VICTOR, LO SPETTACOLO DELLE “MERAVIGLIE” A MONTECATINI. ASL E NIRDA DEL CFS SEQUESTRANO CIRCA 100 ANIMALI SU DENUNCIA DELLA LAV (www.lav.it) PER VIOLAZIONI DELLA NORMATIVA SUL BENESSERE ANIMALE.

    LAV: URGENTE L’APPROVAZIONE DELLA PDL PER LA RICONVERSIONE DEI CIRCHI

    Circa 100 animali sono stati sequestrati, nella giornata di ieri, dall’Asl di Montecatini e dagli Agenti del NIRDA (Nucleo Investigativo Reati a Danno di Animali) del Corpo Forestale dello Stato, al circo “Victor”, a Montecatini (Pistoia). Il provvedimento è scaturito da dettagliate denunce da parte dell’Ufficio Legale della LAV (www.lav.it) circa presunte violazioni della normativa sul benessere degli animali oggetto di una recente inchiesta anche da parte della trasmissione televisiva “Striscia la notizia” (Canale 5), sollecitata dalla LAV dopo numerosi, quanto vani, tentativi di far intervenire gli organi preposti nelle varie piazze in cui il Victor sostava.

    La grande maggioranza degli animali detenuti da questo spettacolo viaggiante, è composta da volatili che vengono liberati per pochissimi minuti durante gli spettacoli, attirati dal cibo, alcuni fatti volare all’interno del tendone per poi tornare ad essere rinchiusi nella loro scatola di lamiera dove vivono perennemente. C’è, inoltre, un sistema di piattaforme con saliscendi che, da un piano sottostante, fa salire a livello del palco delle gabbie contenenti due alligatori, pellicani che escono dal retro, pinguini, avvoltoi e un leone marino tenuto praticamente in “scatola”, così come squali costretti in una piscina di dimensioni assolutamente inadeguate. Gli animali passano gran parte del tempo al buio perenne nei tunnel dei container, piombati, e con un microclima comune a una molteplicità di specie fra loro estremamente diverse.

    La Commissione Cites ha evidenziato tutta una serie di requisiti minimi indispensabili per la detenzione degli animali nei circhi, al fine di evitare di incorrere nel reato di maltrattamento, tra cui l’utilizzo di strumenti atti a regolare la temperatura degli ambienti in funzione delle singole esigenze degli animali ospitati, l’arricchimento ambientale come componente essenziale e, soprattutto, l’idoneità delle strutture di detenzione.

    Il Victor è un’attività di spettacolo viaggiante leggermente diversa dal circo comunemente inteso, dove comunque gli animali sono considerati “attrazioni” inserite nell’elenco delle attività spettacolari di cui all’art. 4 della legge 337/68. In questo caso gli animali non eseguono specifici numeri ma vengono semplicemente mostrati, e vivono segregati in gabbie e in spazi davvero ridotti.

    “Le drammatiche condizioni di detenzione di questi animali sono state oggetto di ripetute denunce da parte della LAV: è indegno di un paese civile costringere degli animali a sopravvivere a una tale prigionia – dichiara Nadia Masutti, responsabile LAV settore circhi e zoo – Siamo molto grati al dott. Fanzone dell’Asl di Montecatini e al NIRDA, che hanno saputo, finalmente, andare aldilà delle solite superficiali verifiche sulla salute fisica degli animali, puntando l’attenzione sulle modalità di detenzione e la mancanza dei requisiti minimi di benessere. Questa importante e delicata operazione deve rappresentare un monito per tutte quelle strutture che, facendosi beffa delle attuali norme in vigore, continuano a detenere animali in condizioni vergognose. Siamo soddisfatti che, anche attraverso la nostra collaborazione e con l’aiuto del WWF, si possa dare una nuova e adeguata sistemazione agli animali. Alle famiglie e alle scuole chiediamo di non portare i bambini ad assistere a simili spettacoli, e alla Commissione Istruzione e Cultura della Camera dei Deputati di favorire in tempi brevi la dismissione degli animali da tutti i circhi attraverso l’approvazione della Proposta di Legge presentata nel 2008, prima firmataria l’on. Gabriella Gianmanco.”

    Tra gli esperti che hanno espresso il loro giudizio critico sulle condizioni di detenzione di degli animali di questo spettacolo, ricordiamo il medico veterinario intervistato da “Striscia la notizia”, il quale ha evidenziato che non si riconosce il grado di sofferenza dei coccodrilli perché, al contrario di altri animali, non hanno una mimica facciale. Ma lo stesso accade per il leone marino, per gli anaconda, per gli squali, per gli uccelli: soffrono, ma non lo possono dimostrare perché noi non siamo in grado di capirlo.

    28 maggio 2009

    Ufficio stampa LAV 06 4461325 – 339 1742586 http://www.lav.it

  2. Leon said

    Purtroppo vi sono ancora tristi realtà come questo circo …… ribadisco come sempre che sensibilizzando il pubblico a non rendersi partecipe a questi spettacoli in mancanza di introiti queste attività barbare cesseranno !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: