LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

ANZIANO AGGREDITO DA CANI A LICATA IN SICILIA: NO A INUTILI ALLARMISMI

Posted by lidafirenze su 19 maggio, 2009

Milano (16 maggio 2009) Apprendiamo con sgomento e con profondo dispiacere che due cani randagi avrebbero aggredito un signore di 87 anni di Licata in Sicilia. Dalle prime notizie di agenzia parrebbe che l’uomo sia stato aggredito da due randagi mentre percorreva a piedi la strada provinciale di San Michele e che lo stesso sia ora ricoverato in gravi condizioni presso l’ospedale San Giacomo d’Altopasso. “Ci auguriamo ovviamente che questo signore guarisca il prima possibile- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale AIDAA-ma la nostra paura è che questo ennesimo fatto seppur grave, scateni ancora una psicosi collettiva come già accaduto il 15 marzo a Scicli pertanto chiediamo di evitare inutili e pericolosi allarmismi che possono portare a delle vere e proprie battute di caccia contro i cani randagi. Il problema del randagismo non si risolve a fucilate ma con l’applicazione delle leggi che ci sono e vengono disattese alla grande dalla maggior parte delle amministrazioni locali sia in Sicilia che in molte altre regioni del Centro e del Sud Italia. Non voglio qui tornare a denunciare i fatti che tutti oramai conosciamo a partire dal taglio dei fondi per la lotta al randagismo e dal mancato utilizzo dei medesimi fondi da parte delle amministrazioni comunali e dei settori veterinari delle strutture pubbliche che hanno quantomeno delle responsabilità per omissione di controllo. Quello che mi preme sottolineare- continua il presidente AIDAA Lorenzo Croce- è la necessità di porsi seriamente tutti insieme nel cercare le soluzioni al fenomeno del randagismo. Noi abbiamo già indicato la necessità di costruire almeno nuovi 500 canili pubblici e sanitari nel sud per far fronte all’emergenza ma occorre anche un piano straordinario di sterilizzazione dei cani randagi a partire dalle regioni del Sud Italia. E’ inutile- dice Croce- scandalizzarsi e stracciarsi le vesti quando capitano questi fatti se in Italia ci sono almeno 1.600 enti locali che non applicano la legge 281/91 sulla lotta al randagismo, e soprattutto se chi dovrebbe vigilare su un fenomeno che riguarda complessivamente oltre 700.000 cani randagi dei quali solo 150.000 ospitati nei canili rifugi si limita a proclami che si dissolvono nell’aria appena si spengono le telecamere. Anziché abbattere i cani- conclude Croce- si processino e mettano in galera chi avendo responsabilità non ha applicato per decenni la legge contro il randagismo”.

In Sicilia il fenomeno del randagismo secondo i dati del ministero è cosi diffuso.

CANI OSPITATI NEI CANILI 10..338
CANILI RIFUGIO 42
CANILI SANITARI 37
NUMERO PRESUNTO CANI RANDAGI ANCORA LIBERI 68.000
CANI DI PROPRIETA’ 246.000

Per info 3478883546-3926552051

Sostieni e firma le nostre petizioni:

per chiedere la realizzazione immediata della banca dati del dna dei cani contro l’importazione dei clandestina dei cuccioli
www.firmiamo.it/dnacaniobbligatorio

per chiedere che non vengano tagliati i fondi per la lotta al randagismo
www.firmiamo.it/noaitaglifondirandagismo

ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA

www.aidaa.netdirettivo.aidaa@libero.itpresidenza.aidaa@libero.it

Telefoni 3926552051-3478883546

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: