LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

Treviso. Il cane Igor non morirà: lo adotterà un addestratore marchigiano

Posted by lidafirenze su 8 maggio, 2009

Dopo gli appelli arrivati al Gazzettino, un esperto ne ha chiesto l’affidamento: «Potrà tornare a vivere con le persone»

FotoGallery

TREVISO (7 maggio) – C’è una speranza per Igor, il cane meticcio bianco che circa un mese fa aveva aggredito ben sei persone, fuggendo dal giardino dove viveva a Treviso. Oggi, ai medici veterinari dell’Usl 9 della città, dove il cane è tenuto in attesa di deciderne le sorti, è arrivata una richiesta di adozione: a prendersi cura di Igor, molto probabilmente, saranno gli specialisti di WolfEmergency.
Secondo le parole dei medici che hanno avuto in cura Igor in questo periodo, compresi i veterinari comportamentisti chiamati dall’Università di Padova, il recupero sarebbe stato quasi impossibile. Diversa l’opinione di Claudio Mangini, Animal Trainer e presidente di WolfEmergency: «Possiamo salvarlo. Abbiamo oggi stesso inoltrato la richiesta ufficiale alla Usl competente. Non vediamo sinceramente il motivo di un loro rifiuto». La bella notizia arriva proprio allo scadere del tempo: ogni giorno di più il meticcio rischiava di essere soppresso.

Mangini, di Civitanova Marche, è venuto a conoscenza del caso di Igor grazie alle pagine del Gazzettino e al sito che non hanno mai abbassato l’interesse verso la sua triste storia, da qui l’ipotesi dell’adozione, concretizzata oggi con la richiesta ufficiale.

Mangini, ammesso che i medici dell’Ulss diano il via libera per l’affidamento, crede fermamente nella possibilità di recuperare il cane, nonostante i suoi comportamenti aggressivi: «Escludendo i casi come quello di Scicli in Sicilia in cui, a monte, concorrono responsabilità istituzionali in ordine a gravi inadempienze sull’applicazione della normativa vigente in materia di randagismo, per i casi come quello di Igor, vanno fatte alcune considerazioni.
A volte il temperamento di un cane non si adatta adeguatamente a condizioni di detenzione classiche e, nel tempo, tale stabulazione causa frustrazioni che possono culminare in manifestazioni di patologie aggressive verso le persone o contro i propri simili».

Un atteggiamento aggressivo che ha portato Igor a mordere ben sei persone, ma che comunque, sempre per Mangini, può e deve essere corretto: «Come comportamentista ed etologo cinofilo, nonché animal trainer di varie specie animali per il cinema e la TV, non riesco a pensare che un cane sia irrecuperabile dal punto di vista comportamentale e di aggressività: sono circa 1400 i casi di cani che, negli ultimi due anni, ho risolto».

L’intento è chiaro, ma come si realizzerà il recupero del cane? «Visto che i veterinari dell’Azienda USL 9 di Treviso hanno dichiarato di non lasciare niente di intentato per salvare il cane dalla soppressione, gli abbiamo chiesto di affidarcelo per la rieducazione, offrendo gratuitamente ogni tipo di supporto necessario affinché Igor possa tornare a vivere in mezzo alle persone. Infatti, in ragione delle nostre specifiche competenze, siamo disponibili ad ospitarlo presso le nostre strutture in Toscana e, attraverso una Web Tv, mostrare agli interessati tutte le diverse fasi di riabilitazione e rieducazione del cane. Ovviamente siamo disponibili anche ad occuparci del viaggio e tutto quanto concerne l’affidamento».

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: