LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

Verona. «Niente animali in chiesa», il parroco caccia il cane di una cieca

Posted by lidafirenze su 7 gennaio, 2009

Un cane guidaVERONA (5 gennaio) – «Fuori quel cane dalla chiesa». L’ordine è arrivato ieri mattina alle 10 dal pulpito della chiesa di Cassone di Malcesine, piccolo paesino in provincia di Verona.

Il parroco ha indicato l’animale e ha preteso che fosse portato fuori. Peccato che fosse il cane-guida che aveva consentito ad una donna non vedente di arrivare fino in chiesa per seguire la funzione.

L’episodio è stato segnalato all’Arena di Verona da un lettore.

È stato inutile far presente al sacerdote che il cane, che aveva la pettorina in bella mostra e che si era diligentemente accucciato tra due panche, accompagnava la donna cieca e che, quindi, poteva stare in chiesa.Il prete è stato irremovibile.

Così la non vedente e il cane, accompagnati da due amici, sono usciti dalla chiesa.

Seguiti, a quanto pare, da altri parrocchiani che così hanno voluto manifestare la loro solidarietà alla donna.

Interpellato alcune ore dopo il parroco ha ammesso l’errore: «Ho capito di aver sbagliato».

Advertisements

8 Risposte to “Verona. «Niente animali in chiesa», il parroco caccia il cane di una cieca”

  1. Silvana said

    quel prete fa schifo come uomo e come prete

  2. Salvatore said

    Che vergogna.. “Fuori quel cane….” già non sarebbe di per se un bel gesto UMANO se fosse fatto da una persona qualsiasi… se poi ci aggiungi il fatto che è stato un prete a farlo… e che quel cane SVOLGEVA LA FUNZIONE DEGLI OCCHI DI UNA FEDELE beh…. un pò come dire che gli ha cavato gli occhi… e che non dica poi che non lo aveva capito… tanto il gesto è brutto sia se si tratta di un cane guida sia se si tratta di un randagio

  3. Serena - presidente Lida Firenze said

    povero San Francesco….. si rigira nella tomba….

  4. L’ uomo ha trasformato la terra in un luogo di terrore e di tormento per gli animali. Ha disseminato stabulari, macelleria, concerie istituti di sperimentazione: ha riempito i frigorifici di cadaveri dei poveri animali uccisi senza pietâ e senza nessun rimorso . L’ uomo ê diventato un torturatore implacabile, un boia spietato di buoi, cavalli, di maiali di teneri agnelli, di incantevoli pennuti, di esseri miti e agraziati, pacifici, inoffensivi e ha degradato se stesso simile a belva assetata di sangue e affamata di cadaveri.
    L’ animali che si guardano con la trepida speranza di essere lasciato in pace, non sospetta che nella mente dell’ uomo alberghino piani cosi diabolico e sconvolgenti.

    Ma ciò che me sconvolge che mi fa impazzire e valica ogni mia possibile giustificazione e’ che tutto questo avviene con l’ avallo di Santa Romana Chiesa.

    Don Vannucio Fabbri, un prete cacciatore celebra una messa propiziatoria per tutti i cacciatori. Forme squadre, e si diverte a praticare la caccia di gruppo con amici.
    Anche gli animali sono figli di Dio, e meritano essere amati.

    Un cane guida che entra in chiesa guidando una fedele, e il prete dice. “fuori quel cane” e ha il coraggio di predicare amore..ARTE PIRATA…
    BASTA BUGGIE , IPOCREZIE, INDIFERENZA E’ PRAMATISMO CHE GIUSTIFICA TUTTO.

  5. Un cane guida che entra in chiesa guidando una fedele, e il prete dice, “fuori quel cane” e dopo questo ha il coraggio di predicare amore, fa ridere… Che arte pirata.

    Io sono convinta della essistenza di Dio, perô non sono convinta che Gesû ha fatto Santa Romana Chiesa”

  6. francesco 66 said

    io sono contrario ai cani in Chiesa , tranne in quel caso .

  7. HateEternal said

    Egregi Signori e Signore, la Legge numero 37 del 14 Febbraio 1974 recita quanto segue:

    Il privo di vista ha diritto di farsi accompagnare dal proprio cane guida nei suoi viaggi su ogni mezzo di trasporto pubblico senza dover pagare per l’animale alcun biglietto o sovrattassa.
    Al privo di vista è riconosciuto altresì il diritto di accedere agli esercizi aperti al pubblico con il proprio cane guida (comma aggiunto dall’art. 1, L. 25 agosto 1988, n. 376 – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 31 agosto 1988, n. 204).
    Ogni altra disposizione in contrasto o in difformità con la presente legge viene abrogata.

    Si ricorda alla gentille chiesa “Cristiana” che le normative vigenti su tutto il territorio italiano VALGONO per TUTTI coloro che sono all’interno di esso.
    Si ricorda, inoltre, alla gentile chiesa “Cristiana ” che il pagamento dell’I.C.I. è previsto a norma di legge anche per gli edifici adibiti a luogo di culto.

    Anche io sono contrario ai “cani” in chiesa tant’è che quando entro (molto raramente…) il prete esce.

    P.S.: Il commento sovraesposto si avvale di toni moderati solamente perchè è oggi S.Francesco D’Assisi, probabilmente l’unica persona seria in 2000 e passa anni di cristianesimo.

    Cordiali saluti.

  8. lidafirenze said

    fantastico commento, grazie 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: