LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

prov. di Treviso: mici torturati e uccisi

Posted by lidafirenze su 10 novembre, 2008

TRIBUNA DI TREVISO
7 NOVEMBRE 2008

Mici torturati e uccisi in via Romagna

Alessia De Marchi

CASTELFRANCO (TV). Una casa disabitata in via Romagna, un paradiso per una colonia composta da trenta mici fino a qualche giorno fa quando è iniziata la strage. Prima vittima una gattina bianca trovata morta dalle volontarie dell’Enpa (Ente nazionale per la protezione degli animali), le zampette anteriori amputate. Qualcuno si è divertito a torturare la micia. “Una barbarie”, commenta Adriano De Stefano, portavoce dell’Enpa di Treviso. Mercoledì sera la seconda vittima: un gatto finito a bastonate. L’orrore si consuma in via Romagna, una laterale di viale Italia. Una villetta disabitata – i proprietari vivono all’estero – è diventata da qualche tempo la casa di una colonia composta da trenta gatti adulti e cuccioli. Un ambiente ideale, isolato e tranquillo. A occuparsi dei mici, in attesa che il servizio veterinario dell’Usl e il Comune intervengano per censirli e sterilizzarli, sono le volontarie dell’Enpa. Passano quasi ogni giorno, lasciano il cibo, accarezzano i gattini e poi se ne vanno. Ma sulla colonia felina si è abbattuta da qualche giorno la furia inspiegabile di un ignoto killer a cui ora l’Enpa sta dando la caccia. Prima ha torturato e ucciso una micetta bianca. Le ha amputato le zampette anteriori. “Probabilmente – ipotizza De Stefano – si è servito di una pinza. Un’atrocità”. La micia è stata ritrovata priva di vita da una delle volontarie dell’Enpa. E’ stata sporta denuncia ai carabinieri e una pattuglia della polizia locale si è recata sul posto per gli accertamenti. Ma l’orrore non era finito qui. Mercoledì sera la volontaria dell’Enpa ha trovato la seconda vittima: un micio immerso in una pozza di sangue. “L’hanno ucciso a bastonate”, riferisce De Stefano. Altra denuncia e nuova richiesta di intervento alla polizia locale. “Una violenza inspiegabile – accusa il portavoce dell’Enpa – Ora basta. Il sadico torturatore dei mici va fermato”. Alberto De Stefano lancia un appello: “Chiunque ha visto o veda qualcosa lo segnali e lo denunci immediatemnte alle forze dell’ordine. Di fronte a un maltrattamento di animali hanno il dovere d’intervenire d’ufficio: è previsto dalle legge. Basta una segnalazione anche verbale”. E’ caccia al killer che rischia fino a 18 mesi di carcere. “Purtroppo – osserva De Stefano – l’amministrazione comunale finora non si è dimostrata particolarmente sensibile alle nostre rischieste di aiuto. Siamo volontari e ci accolliamo le spese per il mantenimento e la cura di questi animali abbandonati”. Da tempo l’Enpa chiede al Comune almeno la disponibilità di uno spazio da adibire a gattile. Lettere, sollecitazioni, domande di incontro hanno finora collezionato solo il silenzio da palazzo. “Purtroppo i maltrattamenti agli animali – riferisce L’Enpa – sono in aumento. Sempre più violenze si consumano nella Castellane e nella Pedemontana. Bocconi avvelenati, fucilate e ora anche queste torture. E’ tempo di intervenire”.

Cristina Z.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: