LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

Enpa e Lipu: Italia fuorilegge per la caccia, condanna europea sempre più vicina

Posted by lidafirenze su 10 novembre, 2008

da Green Report

Dopo le diverse interrogazioni parlamentari urgenti presentate in Parlamento sulla procedura di infrazione europea 2131/06 di cui è oggetto l´Italia, intervengono Ente nazionale protezione animali (Enpa) e Lega italiana protezione uccelli (Lipu) «E´ dal 28 giugno 2006 – spiegano le due associazioni – che la Repubblica italiana si trova sotto la procedura di infrazione 2006/2131 per non conformità alla direttiva 79/409 relativa alla conservazione degli uccelli selvatici. Si tratta di una procedura ampia e pesante, con un parere motivato di oltre 60 punti nel quale la Commissione europea contesta al nostro Paese varie violazioni della direttiva Uccelli, tra cui alcune particolarmente gravi riguardanti l´attività venatoria. E´ opportuno ricordare, tra queste, l´abuso o il cattivo uso delle deroghe a cacciare specie protette; la mancata previsione di tutela dei periodi più delicati per la biologia degli uccelli quali la nidificazione e la migrazione, e ancora la mancata previsione, nella nostra legge, dell´impegno da parte dello Stato di attivare tutte le misure necessarie per garantire uno stato di conservazione favorevole per la fauna selvatica. Mancanze molto serie, che a due anni e mezzo di distanza dall´attivazione della procedura non hanno ancora ricevuto risposta da parte del Governo, e che dunque stanno conducendo l´Italia verso la condanna e le relative sanzioni». E´ dunque urgentissimo che il Governo si adoperi per sanare le gravi infrazioni, sia sotto il profilo formale che in modo concreto, attivando tutte le misure necessarie per la tutela della fauna selvatica, in particolare garantendo che non si pregiudichi lo stato di conservazione delle specie e si proteggano in modo assoluto i periodi di nidificazione e migrazione degli uccelli. Tali richieste, tese ad evitare il danno ad un patrimonio prezioso della collettività, diventano ancor più urgenti in questi giorni, a fronte della grave situazione che sembra delinearsi in Parlamento, con la presentazione di alcune proposte di modifica in senso addirittura peggiorativo della legislazione italiana. Il che allontanerebbe ancor più l´Italia dal quadro internazionale, piegandola ad interessi che non sono certo quelli, assolutamente prioritari, della tutela della biodiversità».

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: