LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

LOTTA AL RANDAGISMO. IN ITALIA SERVONO ALMENO 1.500 NUOVI CANILI

Posted by lidafirenze su 16 ottobre, 2008

ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA
www.aidaa.net
direttivo.aidaa@libero.it – presidenza.aidaa@libero.it

Milano (14 ottobre 2008) In Italia servono almeno 1.500 nuovi canili e di questi almeno 500 canili sanitari. Questi sono i dati che emergono dall’analisi statistica della situazione del randagismo in Italia, messa a punto dall’ufficio statistiche di AIDAA diretto da Tiziana Pascali (i cui grafici sono allegati al presente comunicato stampa). Secondo i dati ufficiali tratti dal sito del ministero della salute i cani randagi complessivi in Italia sono circa 590.000 e di questi ben 442.000 sono ancora allo stato brado, vi sono poi almeno 1.600 comuni italiani che non sono dotati ne di servizio di raccolta dei cani randagi, ne hanno canile ne convenzione con i canili.
La situazione più grave si trova nelle regioni del sud ed in particolare in Puglia, Campania, Calabria, Sicilia, Lazio e Abruzzo, in queste regioni complessivamente vivono allo stato brado 350.000 dei 442.000 randagi presenti sul territorio nazionale.
Ma la situazione si presenta grave soprattutto per quanto riguarda la carenza di strutture, nella sola Campania a fronte di oltre 70.000 cani liberi vi sono solamente due canili sanitari che servono anche i 32.000 cani ospitati nei canili, stando ai termini di legge in Campania occorrono almeno 50 canili sanitari e 200 canili rifugio per poter ospitare almeno la metà della popolazione dei cani ancora vivi allo stato brado.
Oltre alla Campania abbiamo situazioni al limite dell’insostenibile per numero di strutture rispetto ai cani presenti e a quelli catturabili in Abruzzo, Calabria, Puglia, Molise e Lazio.
Analizzando il fenomeno del randagismo nel suo complesso ci rendiamo conto come sia indispensabile la realizzazione di almeno 1000 canili rifugio nuovi (meglio se comunali) e di 500 canili sanitari, da destinare per tre/quarti alle regioni del sud Italia.
Vi è poi un fenomeno molto particolare che riguarda la presenza dei canili lager, che si concentrano in particolare nel sud Italia, ma anche nelle regioni del centro Nord a partire dall’emilia romagna e dalla Lombardia, complessivamente sono oltre 150 i canili rifugio definiti lager dove gli animali non vivono nelle condizioni di benessere minimo di questi circa 110 sono al sud e 40 nelle regioni del centro nord.
Altro fenomeno che al momento viene sottovalutato è quello della distanza tra i comuni dove vengono catturati gli animali randagi e l’ubicazione dei canili, in questo caso la legge 281 prevede che i canili siano comunali o distanti pochi chilometri, mentre assistiamo a situazioni limite con cani dei comuni della puglia che vengono portati in canili dell’emilia romagna o della lombardia, arrivando di fatto a togliere qualsiasi possibilità di controllo del benessere degli animali e di adozione dei medesimi.
“Il lavoro fatto dal nostro centro studi di statistica è chiaro, dalla comparazione territoriale dei dati relativi al randagismo emergono senza ombra di dubbio, due fattori- ci dice Lorenzo Croce presidente nazionale aidaa- il primo riguarda la necessità di realizzare in cinque o al massimo dieci anni almeno 1.500 nuovi canili in Italia e di questi almeno 500 devono esser canili sanitari, è poi necessaria una importante accelerazione nella campagna di sterilizzazione, perché dati alla mano nel giro di cinque o sei anni se non si pratica una campagna di sterilizzazione su almeno 200.000 dei cani ancora in circolazione, la popolazione randagia canina rischia di aumentare notevolmente con tutti i rischi che ben conosciamo, dunque si alla politica del chip obbligatorio, ma ci aspettiamo anche da governo e autorità locali una forte iniziativa nella direzione citata per la quale occorrono fondi straordinari che però possono tranquillamente essere reperiti sia a livello governativo che regionale e comunale”
Per info 3478883546-3926552051

Advertisements

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: