LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

NEWS LIBERAZIONI : Visoni

Posted by lidafirenze su 8 ottobre, 2008

Nuova Liberazione 2000 visoni – Verona

02 Ottobre ’08 – notizia riportata da http://www.finoallafine.info

da L’Arena di Verona :
“Mercoledì 1 Ottobre 2008 – SAN MARTINO (VR)

DANNEGGIAMENTI. A San Martino Buon Albergo l’Animal Front recide le reti di recinzione. Centinaia di visoni «evasi» dalle gabbie. I «guastatori» hanno creato un grosso varco per fare fuggire gli animali destinati a diventare pellicce

Nella notte tra lunedì e martedì gli animalisti hanno svuotato di nuovo l’allevamento di visoni a Campalto di San Martino Buon Albergo. È il secondo assalto in una settimana ai danni della ditta Anipel. [continua]

———————————————————————————————————————————————————–

Comunicato del Fronte di Liberazione Animale su “evasione” visoni – Vicenza – 30 Settenbre ’08

comunicato anonimo del Fronte di Liberazione Animale pervenuto alla rivista La Nemesi, notizia riportata da www. finoallafine.info

“Abbiamo deciso di svolgere un referendum popolare tra i prigionieri dell’allevameno di visoni SAVI a Conco (VI). Tra le due possibilità offerte dalla legge, allevamento a terra o in gabbia, i visoni hanno votato all’ unanimità per una terza opzione che la legge non offriva: la libertà.
I proprietari di questo immenso lager in cui si trovavano ingabbiati migliaia di visoni, pensavano di dormire sonni tranquilli grazie ai numerosi allarmi messi sulle reti e dentro ai capanni, ma si sono trovati un’amara sorpresa….” [continua]

———————————————————————————————————————————————————–
Verona – Liberati 3000 visoni

27/09/2008 notizia riportata da http://www.informa-azione.info

fonte: larena.it

Commando «libera» tremila visoni

Nel mirino un allevamento di San Martino. Per tutta la giornata i titolari hanno cercato di recuperare i mustelidi dispersi. Ma molti sono morti

Gli animalisti dell’Animal liberation front (Alf) sono tornati a colpire.
Nel mirino l’allevamento di visoni gestito dalla società Anpel a Campalto di San Martino Buon Albergo. Il commando ha firmato il terzo blitz in due anni nell’unico insediamento di animali da pelliccia del Veronese sulla parete di uno dei capannoni della ditta e con una telefonata di rivendicazione al centralino de L’Arena. Gli altri allevamenti più vicini si trovano nel Bresciano e nel Mantovano. [continua]

———————————————————————————————————————————————————–

Vicenza – Liberati circa 9000 visoni

27/09/2008 notizia riportata da http://www.informa-azione.info

di seguito l’ articolo apparso su “Il Giornale di Vicenza” di Gerardo Rigoni (errori ortografici a parte, quantomeno discutibile nel suo prosieguo, per alcune “profonde” e poco condivisibili considerazioni ) [continua]

da “Il Giornale di Vicenza” :

“Nove mila visoni d’allevamento liberati da ignoti nei boschi di Conco. L’incursione è avvenuto alle 2 di giovedì all’allevamento Savi di Gomarolo, frazione di Conco, dove sconosciuti hanno aperto una quindicina di varchi nella recinzione dell’allevamento per poi procedere allo scassinamento di oltre 3 mila gabbie che contenevano i visoni liberandoli nei boschi e nei campi circostanti. Circa la metà degli animali sono rimasti all’interno del recinto che circonda l’allevamento mentre gli altri si sono dispersi prima nella frazione per poi invadere le frazioni adiacenti.
Ad avvertire il titolare Luciano Pozza che qualcosa era successo è stato il sistema d’allarme scattato poco prima delle 3. Arrivato sul posto Pozza si è subito accorto che qualcuno si era introdotto nella sua proprietà e ha liberato una buona metà dei visoni che alleva. Pozza ha subito avvertito i carabinieri e poi ha attivato la catena di mutuo soccorso messa in piedi dagli allevatori italiani per far fronte a situazioni del genere. Nell’arco di un paio d’ore una quarantina di allevatori da fuori provincia erano sul posto con reti e trappole per cercare di catturare gli animali liberi… [continua]

Advertisements

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: