LIDA Firenze

Lega Italiana dei Diritti dell'Animale

Friuli/ Fiume Veneto, uccidono cane e girano video: denunciati

Posted by lidafirenze su 30 marzo, 2009

di Apcom
Sono un 23enne e una 22enne; rintracciati dai carabinieri
Roma, 27 mar. (Apcom) – Uccidono un piccolo meticcio a sprangate in un capannone, girano un video con il cadavere del cane appeso a una corda e lo mostrano ad alcuni conoscenti in un locale pubblico. E’ accaduto a Fiume Veneto, in provincia di Pordenone, dove i carabinieri di Azzano Decimo hanno denunciato per uccisione di animali un 23enne, D.J., artigiano di Azzano Decimo, e una sua amica 22enne, T.A., disoccupata di Fiume Veneto. I militari sono risaliti ai due dopo la denuncia presentata dalla madre convivente della giovane, F.L., 51enne operaia di Fiume Veneto, proprietaria dell’animale. I fatti risalgono ai primi giorni di marzo, quando D.J. e T.A. sono andati nel capannone di proprietà dei propri genitori per tentare di fare accoppiare il piccolo meticcio con un dobermann di proprietà del giovane 23enne. Di fronte alla ritrosia dei due cani D.J. ha legato una corda al collo del meticcio, assicurandone l’estremità a una solida base di ferro per impedirgli ogni movimento. I due si sono allontanati ma D.J., disturbato dal continuo abbaiare del cane, si è armato di una barra di ferro e ha percosso il piccolo fino a farlo tacere. Il cane ha ripreso ad abbaiare, lui è tornato indietro e lo ha colpito a morte con la barra in ferro. Ha poi convinto T.A. a girare un video del cane morto con la videocamera del telefono cellulare. Non solo: dopo aver legato una corda attorno alla carcassa del cane e assicurato l’estremità opposta a un muletto montacarichi, lo ha messo a penzoloni e, mentre l’amica riprendeva la scena col cellulare, D.J. lo ha colpito con la barra in ferro. In seguito anche T.A. ha colpito il cane allo stesso modo. Alcuni giorni dopo, la coppia ha mostrato orgogliosamente il video ad alcuni avventori in un locale pubblico. I carabinieri hanno anche scoperto che D.J., nello stesso periodo, nello stesso capannone, ha maltrattato il proprio cane di razza dobermann prendendolo a calci alla presenza di altre persone. Per lui è scattata un’altra denuncia per maltrattamento di animali.

Pordenone. Cane ucciso  a sprangate
e filmato: il Comune sarà parte civile

L’avvocato della Lav teme che i responsabili se la cavino
con una sanzione pecuniaria. Sul caso gruppo su Facebook


di Susanna Salvador

PORDENONE (29 marzo) – La rabbia è tanta e tante sono state le persone che hanno telefonato in redazione o hanno inviato e-mail per manifestare incredulità e raccapriccio dopo aver appreso del massacro di un cane meticcio di piccola taglia ucciso a sprangate senza un perchè da un ragazzo e una ragazza.
Guido Lemmi, responsabile territoriale della Lav (Lega anti vivisezione), annuncia che si costituiranno parte civile e parla di «maltrattamento e uccisione gravissimi sia per l’assoluta futilità dei motivi che avrebbero spinto l’uomo ad accanirsi contro un cane di piccola taglia sia per la crudeltà con cui è stato compiuto».

Il codice penale prevede pene molto aspre per questo tipo di reati; ma, secondo l’avvocato della Lav, Michela De Marchi, spesso questo tipo di reati vengono puniti «con un decreto penale di condanna, che significa poi una sanzione pecuniaria tante volte sospesa. Ma questo è un caso particolarmente grave e quindi valutremo il da farsi quando avremo in mano il fascicolo come parte civile. Ci opporremo comunque al decreto penale di condanna – sottolinea De Marchi – e speriamo che questa volta sarà una condanna esemplare».

Il caso ha avuto così vasta eco che si è addirittura costituito un gruppo in Facebook. Intanto il capogruppo di An, Alberto Locatelli, ha chiesto che il Comune si costituisca parte civile contro i due ragazzi.
Il cane di piccola taglia è stato ucciso a sprangate da Juan Diego Donadonibus, 22 anni, di Azzano Decimo, che dopo averlo ridotto a una carcassa senza vita con una spranga, lo ha legato e issato in aria. Poi ha continuato a infierire sul cane mentre Alice Taiariol, 21 anni di Fiume Veneto, filmava la scena col telefonino; quindi i ruoli si sono invertiti: la ragazza lo predeva a sprangate, il ragazzo filmava. Una volta dato sfogo a tanta inutile crudeltà, i due hanno caricato il cane sul bagagliaio dell’auto dei 22enne e lo hanno poi gettato in un fosso vicino all’abitazione della giovane.

La bestiola era infatti della mamma di Alice Taiariol, la quale fino all’ultimo ha creduto che il suo cane fosse stato ucciso da un’auto. Il video di quella scena piena di violenza e crudeltà è stato poi mostrato una sera agli amici del bar. Ed è stato proprio uno di loro ad avvisare i carabinieri di Fiume Veneto di quello che era accaduto. L’indagine è stata girata ai carabinieri di Azzano Decimo, competenti per territorio.
I due giovani sono stati denunciati dai carabinieri e dovranno rispondere di uccisione e maltrattamenti di animali.

About these ads

8 Risposte to “Friuli/ Fiume Veneto, uccidono cane e girano video: denunciati”

  1. valentina said

    Bastardi …bastardi ….e piu pastarda la troia che ci stava !!!
    Come si è inteligenti e forti a fare potenza con un animale a massacrarlo di botte,ad ucciderlo e xke solo per un piacere personale e per sentirsi più forte..
    Spero tanto che rimarranno tanto in galera e che le immagini della morte di quel cane le vedranno sempre ogni volta che chiuderanno gli occhi.
    Non è per fare troppo l’animalista ma non sopporto queste cose non li sopporto e spero di non assistere mai a qualcosa del genere perchè se un giorno capitera chi unque sia lo “difetto”
    By catanese incazzata

  2. Cristina said

    Sono veramente indignata, come si può ad arrivare a fare del male ad un cane…piccoli loro chiedono solo di essere amati.Ci seguono ovunque li portiamo, si fidano di noi,si affidano completamente a noi.
    Personalmente a queste persone indegne gli farei patire la stessa pena e poi li butterei (se ancora vivi) in galera e butterei la chiave.

  3. Luciano said

    belli stronzi :(

    Certo però che se succedeva al SUD col cavolo che qualcuno li avrebbe denunciati, e se qualcuno li denunciava dubito che i Carabinieri avrebbero perso tempo su una cosa “del genere”.

  4. VERO said

    raga…
    quei bastardi figli di puttana nn staranno mai in galera lo sapete perchè?
    perchè nn cè stanno le leggi giuste ,già uno ke uccide un bambino o stupra una donna nn sta in carcere tnt tempo… figuriamoci se mettono in carcere un ragazzo ke maltratta un cane

    la cosa ke mi fa più ridere e che se un ragazzo uccide un cane la legge nn gli fa nnt(solo una denuncia) viceversa invece il cane o sta in canile o lo abbattono

    le persone ke maltrattano un animale INDIFESO sono dei BASTARDDDDDIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII E BESTIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

  5. alessandra said

    e una notizia che mi ha fatto veramente male non capisco come si possa fare una cosa del genere a un animale se un cane morde un uomo x difendersi la pena e dura x l animale ma ora e l uomo ad aver fatto MORIRE UN CANE INDIFESO MORIRE MORIRE NO NON POSSONO PASSARLA FRANCA DEVONO PAGARE LA LORO PENE QUEI BALORDI SENZA CUORE

  6. j-k said

    sono veramente delusa cmq al sud sn successe molte ks di questo genere k delus

  7. patrizia said

    la mail dei carabinieri di fiume veneto? per fargli arrivare qualche centinaia di richieste di giustizia…

  8. riccardo grillo said

    le persone come loro avranno dei problemi,vivranno nell’indigenza e moriranno di stenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 40 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: